Tutelare Risparmi

L’acquisto della casa, specie in Italia, ha ancora un valore simbolico molto forte. La casa è considerata il bene rifugio per eccellenza ed è la spesa più importante che molti italiani affronteranno nella vita. Nonostante gli anni di crisi e la stagnazione del mercato immobiliare, l’acquisto di una casa è ancora nella wish list di tantissimi italiani, giovani e meno giovani. A differenza di altre culture, come quella anglosassone o americana ad esempio, per noi possedere una casa è un qualcosa che va oltre la mera soddisfazione di un bisogno abitativo.

Si tratta, in qualche modo, di un passaggio fondamentale della nostra vita, alla stregua di un matrimonio o della nascita di un bambino. Anche se le nuove generazioni sembrano essere più inclini al “nomadismo”, lo spirito di radicamento sembra essere ancora molto forte nel Bel Paese. Ma quando decidiamo di comprare casa siamo davvero preparati o rischiamo di compromettere per sempre le nostre finanze?

Acquistare una casa è uno sforzo economico importante che comprende una grande quantità di spese oltre al costo dell’abitazione. A volte tra la casa dei nostri sogni e la casa che ci possiamo permettere c’è un mare e per non affogarci è bene saper fare i conti e non lasciare nulla per scontato.

Ecco allora 12 consigli per comprare casa e risparmiare:

1. Il costo dell’immobile

Quando si cerca casa entrano in gioco una moltitudine di fattori: l’estetica dell’abitazione, la vicinanza al lavoro o alle scuole, la fama del quartiere ed ovviamente il prezzo. Quello che spesso non viene preso in considerazione però è il costo reale della casa. Ciò che andremo a pagare infatti non è solo il costo della alloggio. Bisogna calcolare circa un 10% in più per l’Iva (se è di nuova costruzione) o per l’Imposta di Registro (se è già stata abitata). Ci sono poi le imposte catastali, potrebbe esserci una caparra o un’anticipo. Insomma, quando si stabilisce un budget per l’acquisto di una casa è bene sapere che una parte dovrà essere destinata alle spese extra.

Casa

2. I costi sul mutuo

Quando parliamo di costi del mutuo dobbiamo innanzitutto partire da un presupposto: il mutuo può coprire fino a un massimo dell’80% del valore della casa. Il valore è stabilito da un perito della banca, quindi potrebbe non essere in linea con il prezzo dell’immobile che si è in procinto di acquistare. Prima di procedere alla compravendita è bene dunque valutare se possediamo il restante 20% del costo per evitare di dover chiedere a terzi un prestito. Oltre alla rata poi dobbiamo preventivare un’imposta ipotecaria che si aggira intorno al 2% e una maggiorazione dovuta all’assicurazione sul mutuo che ormai moltissime banche richiedono.

Calcolatrice e banconote

3. Le spese condominiali

Le spese condominiali sono una rata mensile che graverà sulle vostre finanze subito dopo l’acquisto, anche se l’abitazione richiedesse lavori di ristrutturazione prima di poter essere abitata. In pochi si informano di questo tipo di spese prima di acquistare. Farlo però potrebbe essere determinante per la scelta della casa giusta per voi. Pensate che disgrazia sarebbe scoprire subito dopo l’acquisto che il palazzo necessita di lavori strutturali. Potreste trovarvi costretti a pagare rate altissime che, se non preventivate, potrebbero mettere in crisi il vostro portafoglio.

Condominio

4. Il budget per arredare

Può sembrare banale, ma in realtà solo una piccola parte di potenziali acquirenti pensa razionalmente al budget necessario per arredare già in fase di acquisto. Farlo è molto importante perché un’abitazione, per essere chiamata casa, deve essere ben arredata. 

Arredo salotto

5. Il fondo per gli imprevisti

Nessuno si augura di avere imprevisti, soprattutto quando si parla di casa. Quando si visita una casa è fondamentale guardare accuratamente la struttura e gli impianti, richiederne la certificazione o quanto meno capire quali lavori sono necessari per renderla abitabile e confortevole. Le vie della sfortuna però, si sa, sono infinite. Preventivare un fondo per gli imprevisti è sempre buona norma.

Salvadanaio

6. Valutare la soglia sostenibile di debiti

Questa valutazione è forse la più importante da fare. La somma dei nostri debiti (rata del mutuo, della macchina, degli elettrodomestici…) non deve mai superare il 30% del nostro reddito mensile. È un conto che si fa raramente ma può davvero fare la differenza tra la serenità e la paura di non arrivare a fine mese.

Calcolatrice

7. Chiedere garanzie ad amici e parenti

Prima di intraprendere una scelta importante come quella di comprare casa è bene valutarne la reale fattibilità e sostenibilità nel tempo. Chiedere un aiuto o delle garanzie ad amici o parenti può essere rischioso. Il rientro dei debiti potrebbe richiedere molto tempo, tempo che potrebbe modificare radicalmente i rapporti tra le parti. Meglio fare perno sulle proprie forze e, se non bastano, posticipare l’acquisto.

Prestito denaro

8. La fretta è nemica dei buoni affari

Quando si prendono decisioni importanti la fretta non è mai una buona consigliera. Se parliamo dell’acquisto di una casa poi le conseguenze potrebbero essere catastrofiche. Cercare casa, informarsi, strutturare l’entità dell’investimento e capire come sostenerlo sono attività che richiedono tempo. 

Casa vecchia

9. Non lasciare che a decidere siano le emozioni

La casa dei nostri sogni esiste: è l’abitazione giusta per ciò che siamo oggi, per ciò che saremo domani e per la serenità delle nostre tasche. Trovarla non è facile. Cercare casa è un vero e proprio lavoro che richiede molte abilità: una su tutte bilanciare l’emotività con la razionalità. Quante volte ci è successo di innamorarci di una casa per poi renderci conto di non aver chiesto neanche le sue dimensioni? Ecco, per evitare questo è bene avere le idee chiare sui requisiti che stiamo cercando e sul budget che abbiamo a disposizione.

Facciata villa

10. Affidarsi agli esperti

Affidarsi ad un’agenzia immobiliare, specie se è la prima volta che si acquista, potrebbe essere una buona soluzione. Gli agenti immobiliari conoscono molto bene i trend di mercato e sanno consigliare i propri clienti a seconda delle esigenze, che si tratti di uso abitativo o di investimento. Tramite loro possiamo facilmente richiedere tutte le informazioni importanti per determinare il buono stato di salute della struttura e soprattutto sono più bravi di noi a contrattare il prezzo.

Agente immobiliare

11. Valutare attentamente il mercato

Conoscere il mercato non significa scorrere velocemente un sito di annunci. Valutare il mercato significa cercare informazioni statistiche e confrontare i prezzi. Nella scelta di una casa è fondamentale capire il suo valore reale e quello potenziale. Valutando l’andamento di mercato della zona in cui si trova l’abitazione e confrontandolo con case dalle caratteristiche simili possiamo intuire se i prezzi sono destinati a salire o a scendere capendo così se vale la pena comprare subito o attendere. 

Grafici statistici

12. Valutare l’ipotesi di vivere in affitto 

Comprare casa non è obbligatorio e soprattutto dev’essere un qualcosa che procura piacere e soddisfazione a chi decide di farlo. Prima di acquistare casa è bene valutare molti aspetti. Posso permettermelo? mi piacerà vivere in questa città anche tra 20 anni? è la casa giusta per il mio progetto di vita? Queste sono solo alcune delle tantissime domande che ciascuno si pone prima di fare il grande passo. Valutare l’ipotesi di vivere in affitto potrebbe essere una buona soluzione specie per i più giovani e per chi è ancora alla ricerca di un luogo da chiamare casa.

Scritta "Home"

Se l’articolo ti è piaciuto, condividilo su Facebook!