condizionatore

Il Senato il 16 luglio ha approvato il Decreto Rilancio, con 159 voti favorevoli, 121 contrari e nessuna astensione, diventato ufficialmente legge. Tra le novità vi è l’estensione dell’ecobonus al 110% anche per l’acquisto di nuovi condizionatori. Scopriamo come usufruire dello sconto fiscale per gli impianti di raffrescamento e non solo.

L’Ecobunus al 110% per i condizionatori è legge

Si può usufruire dell’ecobonus al 110% per il risparmio energetico anche per l’acquisto di condizionatori.

Nel testo definitivo del decreto Rilancio è specificato che: la detrazione si applicherà nella misura del 110% per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 fino al 31 dicembre 2021, che si potranno recuperare tramite la detrazione, in cinque quote annuali di ugual importo.

Lo sconto fiscale avrà validità anche per la sostituzione di impianti di climatizzazione di classe A. Inoltre, è previsto un bonus per il risparmio del 65% nel caso si sostituisca il vecchio condizionatore.

Per quali interventi di risparmio energetico è previsto il bonus?

La detrazione sarà disponibile anche per la sostituzione dell’impianto di condizionamento, nella misura in cui l’intervento sia eseguito congiuntamente ad almeno uno degli interventi trainanti, che sono: gli interventi sugli edifici unifamiliari o sulle parti in comune per il rinnovamento degli impianti di climatizzazione invernale o di raffrescamento o per la fornitura di acqua calda sanitaria.

La detrazione è compresa anche per l’installazione di impianti fotovoltaici, i relativi sistemi di accumulo e per gli interventi di isolamento termico, che però superi il 25% lordo dell’area disperdente dell’edificio.

Detrazioni del 110%, del 65% o del 50% in base al tipo di lavoro

L’agevolazione fiscale per l’acquisto del condizionatore si traduce in una detrazione che, in base al tipo di lavoro effettuato, può essere del 110%, del 65% o del 50%. Il bonus condizionatori è stato così pensato: la detrazione del 110% è prevista per chi acquista un climatizzatore in contemporanea con l’inizio dei lavori considerati trainanti che danno diritto al super ecobonus.

Avrà diritto alla detrazione del 65% chi acquista un nuovo condizionatore a pompa di calore ad alta efficienza energetica per sostituirne uno di classe inferiore. La detrazione del 50% si potrà ottenere da chi acquista un condizionatore per una ristrutturazione ordinaria della casa o del condominio o per chi compra un climatizzatore in classe energetica almeno A+ anche in assenza di ristrutturazione.

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo con i tuoi amici su Facebook!

Leggi anche:

Ecobonus 2020 al 50%: vale anche per le zanzariere?

Bonus ristrutturazioni al 110%: requisiti e scadenze

Ecobonus: le nuove regole per ristrutturare casa risparmiando