Animali domestici

Arriva in questi giorni la proposta della Lega Anti Vivisezione (LAV) di introdurre delle agevolazioni per chiunque possieda e si prenda cura di un animale domestico.

La crisi economica che grava su molte famiglie a causa dell’emergenza coronavirus non risparmia, infatti, neppure le spese che riguardano gli alimenti e le cure per i nostri amici a quattro zampe. Le proposte sono addirittura quattro, con l’intento di aiutare le famiglie per non “esporre gli animali a fenomi di maltrattameno dovuti all’indigenza o, ancora, di acuire il randagismo”, come dichiarato da Roberto Bennati, direttore della LAV.

Mai come in questo difficile momento occorre sostenere i privati che vivono con cani, gatti o altri animali”, continua Roberto Bennati, “perché fanno parte del nostro tessuto sociale e membri a tutti gli effetti delle famiglie italiane”.

Animal social bonus e Quattrozampe social card

Innanzitutto, tra le proposte della LAV, c’è un Animal social bonus. Questo consta in un buono spesa dal valore di 200 euro per ogni cane e 100 per ogni gatto. Concesso una tantum alle famiglie con animali domestici registrati all’anagrafe per le spese alimentari dei piccoli amici.

La Quattrozampe social card, invece, è una sorta di premio per chi decide di adottare un animale al canile o gattile. La card potrà andare a coprire le spese per gli alimenti e la salute degli animali domestici. Questa potrebbe essere di 1000 euro per i redditi fino a 55000 euro e di 500 per redditi superiori.

Riduzioni IVA e costi per le cure

Oltre ai due bonus, che LAV vorrebbe introdurre già nella conversione del decreto Rilancio in legge, vi sono anche altre proposte a lungo termine. La prima riguarda l’introduzione di famarci generici anche in veterinaria, similmente ai farmaci “da banco”, e l’equiparazione terapeutica tra farmaci umani e veterinari di composizione identica.

LAV vorrebbe anche la riduzione dell’aliquota IVA dal 22% al 4% sugli alimenti e l’aumento della detraibilità fiscale sulle spese veterinarie. Infine, l’ultima proposta riguarda un “Bonus Spese Animali” da 500 euro per le persone con reddito inferiore a 8000 euro, indipendente dall’attuale emergenza.

Leggi anche:

Giornata mondiale delle Api: perché questi insetti sono così importanti per la Terra
Vivere con un cane fa bene anche alla salute psicofisica secondo la medicina
La storia di Vito il “gatto bionico” con due protesi alle zampe