Vastu disciplina indiana per organizzare la casa per dare benessere e positività

La casa rappresenta il proprio rifugio e focolare, è il luogo in cui si trascorre una parte importante della propria vita. In questo periodo, in cui si deve necessariamente rimanere in casa è meglio che l’ambiente domestico sia organizzato in modo da trasmettere più benessere psicofisico possibile. La disciplina del Vastu aiuta a organizzare la propria casa in modo che l’ambiente diventi stimolante e confortevole.

Che cos’è il Vastu e qual è la sua caratteristica

Il Vastu Shastra che vuol dire “scienza della costruzione” è una disciplina indiana tra le più antiche.

Ancora prima del Feng Shui questa scienza dell’architettura olistica, definita comunemente “yoga dell’abitare”, veniva applicata nei templi.

Successivamente si è estesa anche alle strutture domestiche dell’India moderna dove viene praticata riorganizzando gli spazi della casa in modo tale che siano in armonia con la natura.

Come organizzare la casa secondo il Vastu

Il sito CasaVastu, spiega infatti che “lo spazio influenza la mente, che a sua volta influenza le abitudini, che a loro volta influenzano lo spazio, che influenza la mente”. Le stanze della casa devono essere riorganizzate liberando alcuni spazi, e cercando di non accumulare troppi oggetti, specie nell’area nordest dell’abitazione che rappresenta la “testa della casa”.

Ma nella pratica quali sono i piccoli consigli che si possono applicare in casa? Secondo quanto riporta Vanity Fair, la prima regola è quella di eliminare il disordine dando un senso di pace e benessere alla nostra mente. Quando tutto è al proprio posto anche la mente trae un beneficio.

Liberare la parte nord-est della casa che deve essere più “leggera” e la parte centrale dal punto di vista proprio strutturale dovrebbe essere più libera e vuota possibile in quanto corrisponde facendo una similitudine con il nostro corpo allo stomaco e averlo eccessivamente pieno di oggetti porterebbe la nostra mente a fare “indigestione”. Un’altra regola è quella di spostare il letto in una zona non energetica e dinamica perché non induce al rilassamento e non favorisce il sonno.  

Leggi anche:

10 idee originali per tenere in ordine gli spazi dei bambini

Stanzetta dei bambini: come renderla pratica e confortevole

Trend 2020: quali sono i colori dell’anno per arredare casa?