bollette

L’emergenza coronavirus continua a protrarsi, rendendo sempre più difficile per numerosi italiani riuscire a far fronte ai comuni pagamenti, come le bollette o l’affitto. In questa fase difficile, però, il Governo corre ulteriormente in nostro soccorso prolungando la possibilità di richiedere i bonus sociali sulle bollette.

La comunicazione arriva direttamente dal sito ufficiale dell’ARERA, l’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente. Oltre a questo, rimangono uguali i possibili beneficiari, ma viene anche prorogata la sospensione dei distacchi per morosità.

Ma vediamo tutto con ordine!

Cosa sono i bonus sociali?

I bonus sociali sulle bollette di luce, gas e acqua sono degli sconti, fini a sostenere “le famiglie in condizione di disagio economico e fisico e alle famiglie numerose”, come riporta lo stesso sito di ARERA. Per richiederli, infatti, è necessario rispettare alcuni criteri.

La richiesta avviene tramite modulo unico, da presentare al Comune di residenza o ad un ente predisposto (come il CAF, Centro di Assistenza Fiscale). I richiedenti devono dimostrare un ISEE inferiore a 8265 euro, oppure, nel caso delle famiglie con 4 figli a carico, inferiore a 20000 euro. La richiesta può avvenire anche nel caso delle famiglie con una persona gravemente malata a carico.

La proroga del rinnovo

Arriva, dunque, la notizia della possibilità di richiedere una proroga sui bonus sociali applicati alle bollette di luce, gas e acqua.
Si dà la possibilità a tutti coloro il cui bonus è in scadenza nel periodo 1 marzo/31 maggio di usufruire di un ulteriore rinnovo fino al 31 luglio.

Una volta presentata la domanda il bonus avrà valenza retroattiva e sarà continuativo dalla data originale di scadenza. Questo vuol dire che, seppur la domanda venisse accettata un mese dopo la scadenza originale del bonus, per il mese trascorso nell’attesa questo verrebbe comunque applicato retroattivamente (quindi sulla bolletta successiva ci sarebbero “due” sconti).

Sospensione dei distacchi

Sempre dal sito ufficiale di ARERA, si legge anche della proroga sui procedimenti di distacco delle utenze a causa di morosità. Vale solo per i clienti domestici, fino al 17 maggio, “coerentemente con le rinnovate misure governative di contenimento dell’epidemia da COVID-19”, riporta il comunicato stampa.

Il blocco è valido per i clienti domestici i cui consumi di gas ed energia elettrica non superano i 200000 Smc/anno. Per l’acqua, invece, è valido per tutte le tipologie di utenze. Al termine della proroga le procedure di morosità riprenderanno normalmente ma viene data la possibilità di rateizzare gli importi senza il pagamento degli interessi.

La rateizzazione può avvenire solo sulle fatture non ancora scadute al 4 maggio, con scadenza entro il 31 maggio ed emesse tra queste due date. Il piano di rateizzazione sarà deciso ed offerto dai singoli gestori in accordo con l’Ente.

Leggi anche:

Coronavirus: come richiedere la sospensione del mutuo sulla prima casa
Emergenza Coronavirus: come risparmiare sulle bollette di luce e gas
Bonus mobili 2020: come rinnovare casa risparmiando in 10 punti