x

x

Vai al contenuto
Messaggio pubblicitario

Come e quando piantare il seme di mango?

piantare seme mango

Vuoi piantare un seme di mango e godere di questi frutti tropicali così dolci e ricchi di proprietà benefiche? Fortunatamente, è possibile coltivare questa pianta direttamente a casa propria, partendo dal suo seme. Nelle prossime righe vedremo insieme tutti i segreti per piantare e far crescere una rigogliosa pianta di mango, dalla corretta estrazione del nocciolo alla scelta del terreno ideale, fino ai tempi di germinazione e alle cure necessarie per ottenere frutti sani e gustosi.

Come si toglie il nocciolo del mango?

come piantare seme mango

Il primo passo per piantare il seme di mango è riuscire a estrarlo con cura dal frutto, un po’ come succede per l’avocado. Questa operazione può sembrare delicata, ma basta seguire pochi semplici passaggi per eseguirla con successo. Inizia pulendo il mango sotto acqua fredda corrente e asciugandolo tamponando con un foglio di carta assorbente. In questo modo il frutto sarà più facile da maneggiare. Posiziona il frutto su un tagliere e tagliatelo a metà nel senso della lunghezza, con un coltello ben affilato. Fai attenzione: il nocciolo è lungo e molto attaccato alla polpa, quindi lo troverai in una delle due metà. Utilizzando la punta del coltello, stacca delicatamente il nocciolo dalla polpa e assicurati di non danneggiarlo, perché al suo interno si trova il seme vero e proprio. A questo punto, il seme è pronto per essere fatto germinare e piantato in vaso.

Come si fa germogliare il seme di mango?

Una volta estratto il seme, è importante farlo germinare correttamente per assicurarsi una buona riuscita della piantina. Ecco i passaggi da seguire.

  • Lascia asciugare il seme all’aria per un paio di giorni, evitando l’esposizione diretta alla luce del sole.
  • Avvolgi delicatamente il seme in un foglio di carta assorbente inumidita e riponilo in un contenitore chiuso, come un sacchetto di plastica o un barattolo.
  • Controlla regolarmente che la carta rimanga umida, spruzzando acqua se necessario. In questo modo il seme manterrà l’umidità ideale per la germinazione.
  • Dopo circa una settimana, dovresti vedere spuntare la prima radice e il primo germoglio. A questo punto, il seme è pronto per essere piantato.

Quanto ci vuole a far crescere una pianta di mango?

mango maturo

La pazienza è la virtù principale quando si coltiva il mango da seme: la sua crescita, infatti, è molto lenta, soprattutto nelle fasi iniziali. Generalmente, ci vogliono almeno 3-4 settimane perché il seme germogli e spunti dal terreno. Dopodiché, la piantina crescerà gradualmente, raggiungendo un’altezza di 30-40 cm nel primo anno. Per vedere i primi frutti, invece, bisogna avere ancora più pazienza. Una pianta di mango nata da seme può impiegare anche 8 anni prima di dare i suoi primi manghi. Molto più rapidi sono gli alberi innestati, che producono dopo soli 3-5 anni. Quindi, se vuoi avere i deliziosi frutti del mango in tempi più brevi, ti consigliamo di puntare su una pianta già innestata, piuttosto che partire dal seme.

Quanta acqua vuole il mango?

Il mango è una pianta che ama l’acqua, soprattutto durante la fase di crescita. È quindi fondamentale innaffiarla regolarmente, evitando però ristagni che potrebbero far marcire le radici. In generale, il terriccio dovrebbe essere mantenuto moderatamente umido, senza mai lasciarlo asciugare completamente. Controlla l’umidità del substrato con regolarità e bagna la pianta ogni volta che il terreno inizia a seccarsi in superficie. Attenzione però a non esagerare con le annaffiature, però, perché il mango non ama gli eccessi di acqua. Mantieni un equilibrio costante, senza mai lasciare il terreno fradicio.

Che clima vuole il mango?

Essendo una pianta originaria di climi tropicali, il mango ha esigenze ben precise per quanto riguarda temperatura e umidità. Innanzitutto, ama il caldo: la temperatura ideale per la sua crescita è compresa tra i 20°C e i 35°C. Evitate quindi di esporla a climi troppo freddi, soprattutto nei mesi invernali, quando la pianta potrebbe andare in sofferenza. Oltre al caldo, il mango necessita anche di molta umidità nell’aria. L’ideale sarebbe replicare le condizioni tipiche delle foreste pluviali, con un tasso di umidità intorno all’80%. Per questo motivo, è consigliabile coltivare il mango in vaso e tenerlo in ambienti riparati, come serre o verande. In questo modo, potrete garantire alla pianta il microclima ideale per prosperare. Con un po’ di cura e dedizione, vedrai spuntare i primi germogli e, dopo qualche anno, anche i deliziosi frutti.

Leggi anche:

Come coltivare l’aloe vera indoor

Argomenti