x

x

Vai al contenuto
Messaggio pubblicitario

Pesci per acquario: guida alla scelta

Pesci per acquario: guida alla scelta

Avere un acquario in casa è un hobby affascinante e rilassante, che permette di creare un angolo di natura e di osservare il comportamento e la bellezza dei pesci. Tuttavia, scegliere i pesci per il proprio acquario non è una cosa semplice, in quanto bisogna tenere conto di diversi fattori, come la dimensione dell’acquario, il tipo di acqua, la compatibilità tra le specie, le esigenze ambientali e alimentari dei pesci, ecc.

In questo articolo, cercheremo di fornire una guida alla scelta dei pesci per acquario, elencando alcuni criteri da seguire e alcune specie da consigliare, in base alle diverse tipologie di acquario.

Criteri da seguire per scegliere i pesci per acquario

Prima di acquistare i pesci per il proprio acquario, è bene seguire alcuni criteri, che possono aiutare a fare una scelta oculata e responsabile. Tra i criteri da seguire, possiamo citare:

  • La dimensione dell’acquario, che deve essere adeguata al numero e alla grandezza dei pesci che si vogliono ospitare. In generale, si consiglia di avere almeno un litro d’acqua per ogni centimetro di pesce, e di non sovraffollare l’acquario, per evitare stress, malattie e aggressioni tra i pesci.
  • Il tipo di acqua, che deve essere adatto alle caratteristiche fisico-chimiche dei pesci che si vogliono allevare. Esistono due tipi principali di acqua: dolce e salata. L’acqua dolce è quella che proviene dal rubinetto o da fonti naturali, ed è quella più usata per gli acquari domestici. L’acqua salata è quella che proviene dal mare o da fonti artificiali, ed è quella usata per gli acquari marini o di barriera. Ogni tipo di acqua ha dei parametri specifici, come la temperatura, il pH, la durezza, l’ossigenazione, l’illuminazione, ecc., che vanno monitorati e mantenuti costanti, per garantire il benessere dei pesci.
  • La compatibilità tra le specie, che deve essere verificata prima di introdurre i pesci nell’acquario. Alcune specie di pesci possono essere aggressive, territoriali o predatrici nei confronti di altre specie, e quindi vanno evitate o separate. Altre specie, invece, possono essere pacifiche, socievoli o simbiotiche con altre specie, e quindi vanno privilegiate o associate. Per sapere se due o più specie sono compatibili tra loro, si può consultare una tabella di compatibilità, che si trova facilmente su internet o nei negozi specializzati.
  • Le esigenze ambientali, che devono essere rispettate per garantire il benessere dei pesci. Ogni specie di pesce ha delle preferenze in termini di temperatura, pH, durezza, ossigenazione e illuminazione dell’acqua, che vanno soddisfatte con una buona manutenzione dell’acquario. Inoltre, ogni specie di pesce ha delle esigenze in termini di decorazione e vegetazione dell’acquario, che vanno soddisfatte con una buona progettazione dell’acquario. Per esempio, alcuni pesci preferiscono avere delle rocce, dei legni, delle piante o delle anfore, che possano offrire loro dei rifugi, delle zone d’ombra o delle superfici da raschiare.
  • Le abitudini alimentari, che devono essere conosciute per fornire ai pesci il cibo adeguato alla loro specie. Ogni specie di pesce ha delle preferenze in termini di alimentazione, che possono essere di origine vegetale, animale o mista. Inoltre, ogni specie di pesce ha delle abitudini in termini di orario, frequenza e quantità di cibo, che vanno rispettate per evitare il sovralimentazione o la malnutrizione. Per esempio, alcuni pesci sono onnivori, e si nutrono di alghe, insetti, larve, cibo in fiocchi o in pastiglie. Altri pesci sono erbivori, e si nutrono di alghe, verdure, frutta, cibo in fiocchi o in pastiglie. Altri pesci sono carnivori, e si nutrono di insetti, larve, vermi, gamberetti, cibo in fiocchi o in pastiglie.
pesci per acquario, angelfish
angelfish

Specie da consigliare per le diverse tipologie di acquario

A seconda della dimensione, del tipo di acqua e dello stile dell’acquario, si possono scegliere delle specie di pesci più o meno adatte. Tra le specie da consigliare, possiamo citare:

  • Per gli acquari di piccole dimensioni (fino a 50 litri), si possono scegliere delle specie di pesci di piccole dimensioni (fino a 5 cm), pacifiche, socievoli e resistenti, che vivono in superficie o a mezz’acqua, e che si adattano facilmente a diversi tipi di acqua. Alcune delle specie più adatte sono: il guppy, il neon, il platy, il betta, il rasbora, il barbo, ecc.
  • Per gli acquari di medie dimensioni (da 50 a 200 litri), si possono scegliere delle specie di pesci di medie dimensioni (da 5 a 15 cm), pacifiche, socievoli e colorate, che vivono in superficie, a mezz’acqua o sul fondo, e che richiedono delle condizioni di acqua più specifiche. Alcune delle specie più adatte sono: il discus, l’angelfish, il ramirezi, il ciclide nano, il tetra, il molly, il corydoras, il botia, ecc.
  • Per gli acquari di grandi dimensioni (oltre 200 litri), si possono scegliere delle specie di pesci di grandi dimensioni (oltre 15 cm), pacifiche, ma territoriali e caratteriali, che vivono in superficie, a mezz’acqua o sul fondo, e che richiedono delle condizioni di acqua molto specifiche. Alcune delle specie più adatte sono: il pesce rosso, il pesce koi, il pesce arciere, il pesce palla, il pesce gatto, il pesce ventosa, il pesce oscar, il pesce piranha, ecc.
  • Per gli acquari di acqua salata, si possono scegliere delle specie di pesci marini, che vivono in ambienti tropicali o subtropicali, e che richiedono delle condizioni di acqua molto particolari, come la salinità, il pH, la durezza, l’ossigenazione e l’illuminazione. Alcune delle specie più adatte sono: il pesce pagliaccio, il pesce chirurgo, il pesce angelo, il pesce farfalla, il pesce damigella, il pesce gobide, il pesce pappagallo, il pesce leone, ecc.
  • Per gli acquari di barriera, si possono scegliere delle specie di pesci e di invertebrati, che vivono in simbiosi con i coralli, e che richiedono delle condizioni di acqua molto sofisticate, come la salinità, il pH, la durezza, l’ossigenazione, l’illuminazione e la filtrazione. Alcune delle specie più adatte sono: il pesce pagliaccio, il pesce mandarino, il pesce cardinale, il pesce nano, il gambero, il granchio, la stella marina, il riccio, l’anemone, il corallo, ecc.

LEGGI ANCHE:

I pesci dormono? scoprilo qui!

Aeratore acquario: a cosa serve e i benefici

Quanto vive un coniglio: curiosità e cure

Argomenti