x

x

Vai al contenuto
Messaggio pubblicitario

Come arredare in stile giapponese per una casa dal mood orientale

arredare in stile giapponese, salotto

Arredare la casa in stile giapponese significa abbracciare una filosofia di vita che predilige la semplicità, l’armonia e il contatto con la natura. Questo stile, noto per la sua capacità di creare ambienti sereni e ordinati, si basa su principi estetici e funzionali che rispecchiano la cultura e la tradizione del Sol Levante. In questo articolo, capirai come trasformare la tua casa in un’oasi di pace ispirata al Giappone, attraverso l’uso di materiali naturali, colori sobri, mobili essenziali e l’integrazione di elementi naturali.

Come sono arredate le case giapponesi?

Le case giapponesi sono un emblema di minimalismo e armonia, dove ogni elemento è scelto con cura per creare un ambiente sereno e funzionale. Tradizionalmente, sono caratterizzate da pavimenti in tatami, stuoie di paglia pressata che offrono un’esperienza multisensoriale unica. L’ingresso, o genkan, è l’area dove si lasciano le scarpe, segno di rispetto e pulizia. Gli interni sono definiti da spazi aperti e mobili essenziali, come i futon per dormire e i tavolini bassi per i pasti. Le pareti mobili in carta di riso, o shoji, permettono di modulare gli spazi e di filtrare delicatamente la luce. Elementi naturali come piante o bonsai, insieme a decorazioni semplici e simboliche, completano l’arredamento, riflettendo il legame profondo con la natura e la ricerca di equilibrio e tranquillità tipici della cultura giapponese.

Cos’è lo stile Japandi?

Lo stile Japandi è una tendenza di design che fonde l’estetica e la filosofia del minimalismo giapponese con la funzionalità e il calore dello stile scandinavo. Questo stile si caratterizza per la sua semplicità, l’uso di materiali naturali come il legno scuro, e una palette di colori che spazia dai toni neutri e freddi tipici del design scandinavo ai colori più caldi e accoglienti del Giappone. Il Japandi enfatizza la bellezza funzionale e non ostentata, creando ambienti puliti, ordinati e rilassanti, ma allo stesso tempo caldi e accoglienti. Elementi distintivi includono mobili minimalisti, dettagli in nero e tocchi metallici dorati che catturano lo sguardo, mantenendo sempre un equilibrio armonioso tra i due stili. In sostanza, lo stile Japandi rappresenta un connubio perfetto tra l’amore per la natura e la ricerca dell’essenzialità, adatto a chi desidera un ambiente di ordine, serenità ed armonia.

5 regole base da seguire per arredare in stile Japandi

A questo punto, come arredare in stile Japandi? Ecco cinque regole fondamentali da seguire per arredare la tua casa in stile Japandi:

  1. Minimalismo. Concentrati su linee pulite e uno spazio declutterizzato. L’essenzialità è al centro dello stile Japandi.
  2. Materiali naturali. Utilizza legno, bambù e altre fibre naturali. Questi materiali aggiungono calore e texture mantenendo l’ambiente semplice e raffinato.
  3. Funzionalità. Ogni elemento all’interno dello spazio deve avere uno scopo e un posto. Lo stile Japandi valorizza gli spazi ben organizzati e pratici.
  4. Palette neutra. Scegli tonalità morbide che evocano un’atmosfera serena e tranquilla. I colori neutri sono perfetti per creare un ambiente rilassante.
  5. Texture. Combina diverse texture per dare profondità e interesse allo spazio. Le texture possono includere tessuti morbidi, legno levigato e ceramica artigianale.

Queste regole ti aiuteranno a creare un ambiente che riflette la tranquillità e la funzionalità dello stile Japandi, perfetto per una casa che è sia un rifugio che un luogo di vita quotidiana.

7 errori da evitare se vuoi arredare in stile Japandi

Arredare la propria casa in stile Japandi può essere un processo gratificante, ma ci sono alcuni errori comuni che possono compromettere l’armonia e la semplicità di questo stile. Ecco sette errori da evitare:

  1. Colori troppo vivaci. L’uso di colori brillanti o acrilici può scontrarsi con l’eleganza discreta dello stile Japandi.
  2. Materiali freddi. Evita materiali come metallo, vetro e cemento che possono contrastare con il calore dei materiali naturali come legno, rattan, lino, pietra e marmo.
  3. Sovraffollamento. Un ambiente troppo pieno va contro il minimalismo e la tranquillità dello stile Japandi.
  4. Mobili ornati. Scegliere mobili con gambe cabriole o intagli ornati non si adatta alla semplicità dello stile Japandi.
  5. Bianchi freddi. I colori bianchi freddi possono apparire troppo asettici e clinici.
  6. Ignorare lo spazio vuoto. Lo spazio vuoto, o “ma”, è un elemento essenziale nello stile Japandi e non deve essere trascurato.
  7. Trascurare la funzionalità. Ogni elemento deve avere uno scopo pratico oltre al valore estetico.

Evitando questi errori, potrai creare un ambiente che riflette veramente la serenità e la funzionalità dello stile Japandi, unendo l’estetica minimalista giapponese con il calore e la praticità scandinava.

In conclusione, l’arredamento in stile giapponese moderno è un invito a riscoprire la bellezza dell’essenzialità e dell’armonia. Questo stile, che predilige la funzionalità senza sacrificare l’estetica. Gli spazi sono pensati per essere vissuti, respirando tranquillità e ordine, e ogni elemento è scelto con cura per contribuire a un senso di pace e calma. In un mondo dove il caos e l’eccesso spesso prevalgono, l’arredamento in stile giapponese moderno o Japandi offre un rifugio sereno e un luogo dove ritrovare un legame con l’essenziale.

LEGGI ANCHE:

Arredamento massimalista: come osare con questo stile

Stile eclettico: come realizzarlo a casa

Cucine stile country: atmosfera rustica

Argomenti